giovedì 31 ottobre 2013

I Re Magi a Brugherio

Oggi è la vigilia di Ognissanti.
Oggi è il giorno in cui si festeggia Halloween / Samhain... e io parlo dei Magi e canticchio, stranamente, canzoncine natalizie.
Sarà normale tutto ciò?

Forse sì... e il motivo è questo.

 
 
In primavera, assieme ad alcuni amici illustratori, ci siamo trovati coinvolti in questo progetto.
In occasione del 400° anniversario della traslazione delle reliquie dei Re Magi a Brugherio (proprio così!), l'Associazione Kairòs (editrice del settimanale NoiBrugherio) ha organizzato un concorso letterario per le scuole.
Gli alunni partecipanti hanno scritto racconti e poesie per raccontare l'evento e la storia dei Magi.
I migliori selezionati, sono stati pubblicati in una bellissima raccolta ora diffusa in tutta la provincia di Monza Brianza.

Volendo rendere la pubblicazione ancora più accattivante, l'Associazione Kairòs ci ha contattati per realizzarne le illustrazioni!
Con un'immagine e due capilettera a testa, in dieci ci siamo spartiti i testi e coordinati per creare un'unitarietà nel lavoro, nonostante la diversità delle mani.
La "stella" è stata la nostra guida, l'elemento comune in ogni illustrazione.
 


Sono stati realizzate due pubblicazioni: una più "grande", in occasione dell'inaugurazione e del festeggiamento dell'anniversario, una più piccola da diffondere nelle biblioteche e (a breve) in tutte le edicole in allegato alla rivista NoiBrugherio.

Il risultato finale è bellissimo.
L'impaginazione e la cura della grafica hanno esaltato ancora di più il lavoro di tutti.
La copertina ha visto l'ulteriore collaborazione e impegno di uno di "noi" (Fabio Facchinetti) che, recuperando tutte le nostre stelle, ha creato un magnifico cielo notturno sopra Brugherio.

Il racconto da me scelto è I Re Magi, di Lara e Francesca (classe 4° B, scuola primaria Fortis), che ripercorre il viaggio delle reliquie dei Magi.
L'incipit è quello che mi ha dato l'ispirazione: "Un attimo ci penso..."

Subito nella mia testa ho immaginato Lara e Francesca che, per intrattenere i compagni, si apprestavano a raccontare la storia dei magi.
Così è nata quest'immagine.

 
Un attimo, ci penso…
Uno l’incenso,
gli altri mirra e oro,
un vero tesoro.

Seguono la cometa,
su nel cielo un po’segreta,
per arrivare alla capanna
dove un Re piccino fa la nanna:
è Gesù piccolo e carino,
davvero divino!

Arrivano il sei gennaio,
non a febbraio,t
ornando in oriente son morti
ma per noi son risorti.

Le loro ossa van a Milano
in un posto molto nostrano.
Poco lontano c’è la sorella
a cui s.Ambrogio dà una cosa bella:
le reliquie da venerare
dei tre Re Magi proprio a Brugherio è venuta a portare.

Da Brugherio il grande Barbarossa
a Colonia ha portato le altre ossa:
han passato tante frontiere
ma chiedono ancora le nostre preghiere!
 
Eccola impaginata.
 
 
 
Alla fine della pubblicazione, oltre alle nostre brevi biografie, si trovano i commenti di suor Maria Gloria Riva, fondatrice, nella Diocesi di San Marino Montefeltro, delle Monache dell'Adorazione Eucaristica che curano un centro di spiritualità per la diffusione della Bellezza (che trovo sia una cosa bellissima!).
Ogni singola illustrazione è stata attentamente letta e interpretata da Suor Maria Gloria Riva.
Questo è quello che ha scritto della mia tavola.
 

 
Forse, nel creare "intellettualmente" l'immagine, non avevo pensato e programmato tutti gli aspetti citati nel commento... ma devo dire che leggendo queste parole mi sono commossa.
Suor Maria Gloria, osservando l'illustrazione, ha visto "me", mi ha letta e riconosciuta... senza sapere chi sono. Nelle sue righe c'è molto del mio universo e del mio sentire.
 
Questa è stata un'esperienza bellissima.

Grazie a tutti i miei compagni (perlopiù Waisti) d'avventura: Fabio Facchinetti, Susanna Gessaga, Laura Costanzi, Isolde Christandl, Susanna Selici, Maria Elena Gonano, Chiara Buccheri, Natascia Ugliano e Rossana Bossù.
Grazie a Roberto di Kairòs e a tutti i suoi collaboratori, alla Giuria, alla Biblioteca civica di Brugherio e a Suor Maria Gloria.

E in attesa del Natale... felice Ponte!
 
Buona creatività! 

mercoledì 23 ottobre 2013

Artist's Journal Workshop

Prima dell'estate, incuriosita da un post sulla sperimentazione e la ricerca artistica scritto dalla mia amica e collega Simo (potete leggere la sua IntervArtista QUI), ho cominciato a leggere questo libro:

 
Artist'S Journal Workshop
di Cathy Johnson
edizioni North Light Books

 
Creare la propria vita con parole immagini...
Questa la proposta del sottotitolo.
Più semplicemente, trattasi di sketch booking!
Provate a googlare questa parola, a guardarne le immagini proposte e... vi tufferete in un mondo fatto di colori e segni!

Per un disegnatore/illustratore/pittore la pratica dello sketch, dello schizzo (en plein air o meno), dello studio, dell'andare in giro sempre e ovunque con un taccuino e una matita/penna/pennello, dovrebbe esser naturale.

Una pratica costante, quotidiana, intima o esplicitata, che mantiene allenata la mano, l'occhio e lo spirito.
Un'attività i cui prodotti, spessissimo, sono fonte di curiosità, ammirazione e addirittura mostre.

In questo volume brossurato, dalla bella grafica e impaginazione, l'autrice (scrittrice, artista e naturalista americana) guida il lettore nei vari aspetti che compongono il fare sketch booking.
Come creare il proprio diario artistico, giorno per giorno.



I punti affrontati sono molti.
La scelta del taccuino, la scelta dei materiali con cui disegnare e la proposta di sperimentarne di nuovi, capire qual è lo scopo del proprio diario, la creazione di una sorta di "mappa" da seguire, l'attenzione alla composizione e al lettering, al momento in cui si disegna e al farne una pratica costante.



Cathy esplora tutte le possibili sfaccettature del fare sketch, suggerendo qua e là piccoli esercizi e, soprattutto, condividendo la sua esperienza con numerosi aneddoti e una quantità incredibile di immagini.
 

 
Vengono mostrati anche i lavori di 26 artisti (come Nina Johansson, nella foto qui sotto in basso a sinistra), con molti dei quali Cathy condivide il Blog dedicato proprio all'Artist's Journal Workshop.



Il libro, in lingua inglese, si legge con piacere; i testi scorrevoli sono accompagnati da bellissime immagini che, solo a guardarle, invogliano a prendere la matita in mano!

Per chi già disegna e fa sketch abitualmente, non sarà di sicuro un libro "rivelatore", ma una comoda e suggestiva guida da consultare e sfogliare quando si ha voglia.
Per chi invece si avvicina ora all'arte del disegno (e dello sketch booking in particolare), può essere fonte di numerosi spunti su cui lavorare.

L'arte dello sketch è un fenomeno molto interessante (oltre che divertente).
Basta vedere quante cose si trovano in merito sul web, per capirne la diffusione.




Per stimolare la vostra curiosità, vi lascio qualche link da spulciare:
 
1) SketchCrawl un vero e proprio forum in cui, in tutto il mondo, si organizzano giornate e gruppi di sketch.
2) il sito della Moleskine (forse il taccuino più diffuso tra gli artisti) in cui c'è da perdersi a gustare le creazioni esposte (per esempio questa, questa e questa).


Buona Creatività!

mercoledì 16 ottobre 2013

Di concorsi, calendari e anteprime...

Nella prima metà dell'anno ho partecipato a un famoso concorso, quello organizzato dalla Città del Sole: L'Illustratore dell'Anno.
La partecipazione prevede l'invio di un'illustrazione e, soprattutto, del progetto per un calendario.

 

Un anno fa, mentre preparavo il Mio Calendario 2013, ebbi l'idea per un secondo calendario.
A dir il vero, come spasso accade, quando si mette in moto la creatività le idee diventano ciliegie e una tira l'altra! Ero sommersa di intuizioni e possibili progetti da sviluppare.

Ebbene, l'idea che mi invase la testa in quei giorni la fissai su un quaderno, decisa a non farla scappare; e quando si presentò il momento di preparare il materiale per il concorso della Città del Sole, era già lì, bell'e pronta!

Per la cronaca, non sono stata selezionata tra i finalisti del concorso.
Poco male!
Il progetto Calendario 2014 (quello che sarà il Mio Calendario) ha già una solida base ora, non mi resta che terminarlo e prepararlo per Voi e per chi sarà interessato ad averne una copia!

Questa era la mia tavola...



... ed è l'unica cosa che vi mostrerò per il momento.

Come piccola anteprima posso dire che, alla tavola stessa, manca qualcosa (oltre alla griglia del mese, ovviamente)... Riprenderà una caratteristica del primo Calendario, un elemento che non posso omettere nei miei lavori.

Quando tutto sarà pronto, vi svelerò questi misteri. Abbiate pazienza!

Nel frattempo... Buona Creatività!

mercoledì 9 ottobre 2013

Ottobre!

Mese di bilanci, di castagne e case riscaldate.
Mese dei primi veri freddi, mese di passaggio e di equilibrio.
Mese tondo, simpatico e... imprevedibile!

Nel mio Calendario, l'Augurio di Ottobre è...

Accogliere l'Imprevisto

... e magari imparare a "riderci su"!

Felice Ottobre e Buona Creatività!

mercoledì 2 ottobre 2013

Il Corso Pirulino (il ritorno di PL) - seconda parte

Proseguo il racconto del Corso Pirulino, iniziato qui.
 
Il sabato...
... siamo tutti un po' provati, ma curiosi di lavorare in coppia!
La mattina procede veloce: teste che si arrovellano, mani che scarabocchiano, progetti che prendono lentamente forma e contenuto.
 
Ilaria F. e Francesca

Gloria

Marina

Gloria ed io abbiamo come tema le Stelle.
E la fortuna vuole che, accanto a noi, ci sia Sara R., di mestiere astrofisica (!), che ci racconta come nacque la luce...
Ed è il caso di dirlo: luce fu!
Ecco l'idea per il nostro libro; mescoliamo scienza, leggende e quotidianità...
Teste, mani e cuori all'opera.

postazione coppia Gloria+Ilaria (cioè... Me)

Si lavora duramente, sotto il canto assordante delle cicale, per correggere il primo libro e progettare il secondo.
Al pomeriggio siamo davvero tutti stravolti... perfino il Capo!
 
 

 
Veniamo tutti ricompensati da un incontro speciale, un'ottima cena (in un luogo un po' ostico, soprattutto per chi soffre l'auto come me... ma la mangiata valeva il percorso!) e da una bella dormita.
 
 
Ultimo giorno...
... siamo carichi e propositivi, tutti all'opera per terminare i prototipi.

C'è chi finisce in fretta, chi un poco più tardi, chi va nel panico e chi viene aiutato dai compagni "liberi" nello sforzo finale.
Evviva lo spirito di gruppo!
 
Gloria rilega
 
Ilaria F. rifinisce
 
le due Anne concludono
 
Spirito di Gruppo!
Mi fanno pensare alle Filatrici di Velazquez... meravigliose!

L'energia è frizzante e pervade tutto.

 
Voglio giocare anch'io!

 
Arriviamo alla fase finale del corso.
Ognuno di noi, singolarmente e in coppia, è inviato a presentare il suo percorso e i risultati davanti a una folta platea e con tanto di medaglia mangereccia!
 
Marina

Gioia

le Medaglie!

Me e Gloria

Chiara, Oscar e Marta

il pubblico!

Ilaria F. e Francesca

Anna & Anna

Inutile dire che sono emersi lavori incredibili e collaborazioni inaspettate.
In così poco tempo sono state realizzate idee davvero interessanti e prototipi più che efficaci.

Con orgoglio lo dico, il lavoro realizzato da Gloria e me ha riscosso molto successo.
Forse siamo state fortunate, forse sarebbe successo con qualsiasi altra compagna di corso... ma la collaborazione con Gloria è stata speciale.
Ci siamo confrontate, abbiamo sviscerato idee e dubbi, ci siamo palesate cosa non ci piaceva e cosa preferivamo, abbiamo consultato Paolo e, lentamente, abbiamo costruito il nostro libro, un passo alla volta, con equilibrio.
Entusiaste, poi stanchissime, addirittura confuse ma determinate... il progetto ha preso vita e il risultato è piaciuto.
Un'esperienza meravigliosa.
Grazie Gloria!
 
il nostro prototipo
 
Come ho già scritto in altri post (su questo corso come su altri) la creatività che nasce da occasioni come queste è unica.
La collaborazione, la condivisione e il confronto sono Doni da cui si impara moltissimo; e consiglierei a tutti coloro che hanno voglia di crescere di provare esperienze come questa.
Qualsiasi sia la sostanza e l'argomento del corso, mettetevi in discussione, giocate con gli altri, cambiate punti di vista, apritevi all'incontro (soprattutto se inaspettato!).
 


Un ringraziamento speciale a Francesca e Oscar che ci hanno ospitato e coccolato; a tutte le mie compagne di corso Elham Asadi, Anna CastagnoliIlaria Falorsi, Marta Ferina, Marina Marcolin, Gioia Marchegiani, Anna Martinucci, Gloria Pizzilli, Sara Ricciardi, Julia Racsko, Sara Stefanini, Chiara Torelli (e ai mariti + figli che ci hanno assecondato!); e, ovviamente, a Paolo che ci ha guidato e tenuto d'occhio tutto il tempo!

Paolo
 
 
COMUNICAZIONE
 
Per chi fosse interessato a frequentare il corso base di Progettare Libri, può rivolgersi alla Scuola di Arti Applicate del Castello Sforzesco di Milano.
Il corso, a numero chiuso, inizierà il 29 ottobre.
 
 
Qui sopra il programma e le informazioni per partecipare alla selezione (avete tempo fino al 13 ottobre!)
 
Io corro a iscrivermi!
 
Buona Creatività! 

martedì 1 ottobre 2013

Il Corso Pirulino (il ritorno di PL) - prima parte

L'Estate è sempre una stagione ricca per me.
Con i mesi caldi, con il massimo della luce, la voglia di fare aumenta e si espande.
Tra le mille attività a cui mi sono dedicata c'è UN corso.
Un appuntamento che attendevo da mesi e che, come previsto, è stata una splendida occasione di incontro e confronto.

Parlo del CORSO PIRULINO, che altro non è che la seconda Parte del più conosciuto Progettare Libri (corso di cui ho scritto e si è parlato in numerosi post e blog: guardate a sinistra sotto Corsi & Lab oppure QUI), sempre organizzato e curato da Paolo Canton.


Del Corso Pirulino potete leggere anche il bel resoconto di Francesca (Padrona di Casa Pirulino e meravigliosa Ospite, assieme a Oscar!)

Ora però, ve lo racconto anch'io!

Chi mi legge da un po'... sa che amo scrivere delle specie di fiction-blog, a puntate.
Ho provato a contenermi e fare un solo post ma... ahimè, non è possibile!
Però mi sono impegnata: solo due puntate!
Con meno parole (Francesca ha espresso già bene la sostanza di quei quattro giorni!) ma moltissime foto.
Pronti?


Luglio 2013, una calda mattina estiva
Esco di casa con un trolley stracolmo, uno zaino messo peggio e cartelletta alla mano.
Incontro Marta e Chiara (mie inseparabili compagne di viaggio, stanza e avventure!) e partiamo alla volta di Borgo Tossignano, in terre bolognesi.

Arriviamo nel primo pomeriggio allo Studio Pirulino dove, circondati dalle più morbide colline, ci accolgono Francesca, Oscar, Paolo e le compagne di corso.


Inutile dire che con un Topo non si scherza!

Dopo meno di dieci minuti di saluti, presentazioni e sorrisi... siamo già tutte sparse tra i tavoli a "ripassare" gli argomenti del primo corso PL.
Si piegano fogli, si ripetono nomi, si riscoprono attrezzi ormai indispensabili (la stecca osso ora è la mia migliore amica), si cuce come esperti sartorelli.




Meno di un'ora e l'atmosfera è già quella di casa.
Sarà la natura che ci avvolge, le pesche squisite e appena colte che ci vengono offerte, la passione condivisa, l'estate e la vacanza... siamo già gruppo.

E un pensiero ci accomuna: cosa si inventerà questa volta Paolo?

Ma è ora di cena e l'ostello ci attende.


La mattina seguente...
... rifocillate da un bel sonno, un buon caffè e dall'aria fresca, lo scopriamo.

Paolo si presenta con un sorriso sornione e un sacchetto di canapa, da cui ci fa pescare i numeri della tombola.
A ogni numero corrisponde una busta (come nei migliori giochi televisivi degli anni '80/'90!).
Dentro alla busta ognuno scopre il suo compito!


Julia


C'è chi è curioso, chi terrorizzato, chi entusiasta, chi vuol barattare, chi perplesso.
Addirittura qualcuno ci trova un regalo...

Francesca, Anna C. e Julia



Ogni compito ha un tema e dei vincoli da rispettare.
Soprattutto, tutti abbiamo una giornata e mezza per completare l'esercizio e realizzare il prototipo del libro.

La balena che vedete fa parte del mio compito.
Ho navigato tra stelle, sfere celesti e abissi, sporcandomi le mani di grafite, incontrando problemi tecnici, inventando un testo leggibile anche al contrario, realizzando una storia che sale e un'altra che cade...







E mentre nuotavo nelle immagini dentro la mia testa (e dentro a un meraviglioso libro prestatomi da Paolo), i miei compagni di corso disegnavano, rilegavano, tagliavano, incollavano, discutevano, meditavano... Creavano.

Marta al "Pensatoio"

il lavoro (splendido) di Marina

gli Spiriti della Casa vegliano su di noi

Anna & Anna


Il duro lavoro è stato condito con passeggiate, chiacchierate, gite in piscina per alcuni, e ottime cene!

Il terzo giorno...
... mentre terminiamo il primo lavoro, Paolo si ripresenta con il suo sacchetto di numeri.

Di nuovo si pesca ma stavolta, invece di una busta, riceviamo ognuno un compagno.
L'esercizio del giorno consiste nel confrontarsi (vestendo anche i panni dell'editore cattivo!), nel dare e ricevere consigli e critiche costruttive sul lavoro fin lì svolto, e nell'applicare tali correzioni.


Gioia, Paolo e Anna C.


A fine giornata, per la terza volta, Paolo ci sventola sotto il naso il suo amato sacchetto di numeri.
Metà di noi pesca da lì.
Gli altri pescano una busta numerata.

La mente di un Topo, a volte, può essere davvero contorta!

Si formano nuove coppie, composte da chi ha il numero e chi ha la busta che, ovviamente, contiene un compito.
Un compito, questa volta, da affrontare assieme: gioco di squadra!


La sorte è buffa a volte...
Io càpito, come nell'esercizio precedente, con Gloria!
E la busta a noi riservata presenta un tema, dei vincoli e del materiale da visionare.
Pensate un po', mi ritrovo tra le mani il librone sulle stelle di Paolo (che se la ride esclamando "non ci credo, ancora tu!").

Per fortuna, è ora di cena!

... continua! QUI