lunedì 15 aprile 2013

IntervARTista 13° - Dreaming In A Hat

Tredicesimo appuntamento con Intervistilla, siete pronti?


Oggi ci infiliamo nelle coloratissime creazioni di Sveva, in arte Dreaming In A Hat!

Interv(ART)ista
Tot. domande a Dreaming In A Hat
 
 
Chi sei e cosa fai? Dai un nome a Te e alla tua Arte.
 
Mi chiamo Sveva e mi diletto con ferri, uncinetti e gomitoli da diversi anni.
Il mio principale lavoro è fare la segretaria di Direzione ma la sera abbandono questi panni e mi circondo di morbidi fili colorati e dò sfogo alla mia passione.
Questa dualità mi ha sempre accompagnato e sono riuscita col tempo a conviverci: far fuoriuscire il mio lato elegante, professionale e deciso durante il lavoro in ufficio e lasciar libera l’anima creativa la sera e durante i fine settimana, quando abbandono gli stretti vestiti da segretaria per entrare in scarpe basse, capelli sciolti, vestiti larghi e comodi e tanta voglia di tuffarmi nei gomitoli, negli acquerelli, nel suonare uno strumento, nel cucinare… insomma nel fare tutto ciò che più amo e che alimenta l’aspetto più “libero” di me.
 
Perché lo fai? Quando e come hai cominciato?
 
Ho cominciato nel 2008 con i ferri e qualche anno dopo ho imparato anche l’uncinetto che ormai è diventato il mio principale strumento creativo perché è maneggevole, pratico, molto più semplice da utilizzare e posso portarlo ovunque senza rischiare di cavare l'occhio a qualcuno.
Cercavo un hobby rilassante che mi facesse creare anche qualcosa di utile e ho trovato la Passione con la P maiuscola, quella che mi accompagnerà sempre, quella dove se sbagli puoi tornare indietro, sfilare il lavoro e ricominciare poiché nessun errore è mai irreparabile e forse è proprio questo l’aspetto che amo di più.
A furia di creare mi sono ritrovata con un sacco di cappelli e nessuna testa dove metterli a parte quella della sottoscritta e così ho deciso di aprire il negozio e metterli a disposizione di chi vorrà apprezzarli.
 
Dove e come? Ci presenti il luogo in cui crei e gli strumenti/la tecnica che usi?
La maggior parte del tempo creo a casa mia, una mansarda in un paesino fuori Milano dove mi sono trasferita nell’ottobre 2012.
 
foto copyright Sveva
 
Ma il mio è un uncinetto “itinerante”, lo porto praticamente ovunque quando sono fuori casa.
Gli strumenti invece eccoli qui (la foto non è mia bensì di Posy, ma i miei uncinetti sono colorati e identici a questi):
 
foto copyright Posy
 
Chi? Colleghi, clienti, datori: rapporti lavorativi?
Non ne ho nessuno dato che questa è solo una passione e la svolgo da sola, ho però alcuni piccoli “ammiratori” e anche io seguo moltissime artigiane e creative con le quali la condivido online.
 
Bianco/Nero: qual è l’aspetto più piacevole e quale il più noioso/brutto/antipatico della tua arte?
Di aspetti piacevoli ce ne sono miliardi, uno su tutti è poter sperimentare con i colori e le forme, poterli mescolare ed è impossibile sentirmi triste quando sono circondata dai gomitoli, anche nella più cupa giornata invernale ho l’arcobaleno che scivola tra le dita!
Ma sicuramente l’aspetto più positivo di tutti è quello che ho scritto sopra: nessun errore è mai irreparabile e puoi sempre sfilare il lavoro, tornare indietro e ricominciare, cosa che in altre situazioni della vita è impossibile.
Adoro così tanto lavorare all’uncinetto che non riesco a trovarne un aspetto negativo, di sicuro però mi annoio parecchio a fare le foto per il negozio, non sono bravissima con la macchina fotografica, devo sempre fare mille prove e il risultato finale non mi soddisfa mai un granché.
 
Dove vai? Quale sono i prossimi obbiettivi/progetti?
Ho aperto il negozio Etsy a dicembre 2012 e l’obiettivo è senz’altro quello di riuscire a vendere sempre più cappelli e far felici quelli che li indosseranno.
Il negozio è diviso in due sezioni, una per i cappelli più semplici ed economici (quelli per tutti i giorni diciamo) e un’altra per quelli più particolari e leggermente più costosi, in questo modo voglio offrire ampia scelta.
Ne sto creando moltissimi anche con colori scuri e il negozio lo aggiorno periodicamente, spero che con il tempo possa incontrare il favore di molte persone!
 
Ci mostri la creazione, secondo te, meglio riuscita o che meglio ti rappresenta?
Sicuramente più la creazione è colorata e più mi rappresenta.
Di quelli fatti finora però ne ho tre preferiti: uno slouchy hat con un filato variegato con fili d’argento, un berretto con filato verde e arancione/rosso e poi il mio bloomy hat a forma di fiore, direi che questi rappresentano bene la varietà della mia produzione.
 
foto copyright Sveva - Dreaming In A Hat
 
Dove possiamo trovarti?
In rete sono praticamente ovunque, eccomi qui:
 

Ho anche le gallerie su Flickr e Tumblr ma a chi gradisce prezzi, dettagli e altro consiglio ovviamente il link del negozio.
Non faccio mercatini per totale mancanza di tempo ma online sono molto presente e rispondo ogni giorno e più volte al giorno a qualsiasi richiesta. 
Ringrazio la cara Ilaria per avermi ospitato e i gentili lettori per avermi letto.
 
 
Un coloratissimo Grazie a Sveva per la partecipazione, per le belle foto che mi ha permesso di pubblicare e per tutti gli smile sparsi nell'intervista (ma che a Blogger piacciono poco).
 
Buona Creatività!

 

Nessun commento: